Come rinnovare le maniglie di mobili della cucina

0
Come rinnovare le maniglie di mobili della cucina
  • SET da 10 x SOTECH Maniglia per mobile E8
  • Materiale: vero acciaio inox (tubo quadrato) 10 x 10 mm / Superficie: spazzolata
  • Lunghezza totale: 170 mm / Altezza: 32 mm / Distanza fori: 160 mm
Aggiornato il: 22 Ottobre 2019 17:22

Guida alla scelta delle maniglie della cucina

Diciamolo: prima o poi la voglia di rinnovare, in tutto o in parte, la casa, viene a chiunque.

Cosa ci frena? Innanzitutto, i costi, diventati esorbitanti.

Se si intende ristrutturare l’abitazione da cima a fondo, con interventi strutturali e drastici, bisogna mettere in conto una spesa decisamente esosa.

In fatto è che, soprattutto di questi tempi, non tutti se lo possono permettere e si tende a rinunciare all’idea.

Sbagliato: è possibile rinnovare la casa spendendo poco e con ottimi risultati.

Se non si vuole (o può) strafare infatti, dare una ventata di freschezza e novità alle stanze è comunque possibile ed economico.

Pensateci bene: quasi sempre sono i particolari a fare la differenza.

Una casa curata si vede principalmente dai dettagli.

La cucina ad esempio: l’ambiente più sfruttato e vissuto dell’abitazione assume un aspetto completamente diverso semplicemente cambiando le maniglie dei mobili.

Proprio così: l’usura fa sì che dopo qualche tempo le maniglie diventino opache e spente, oltre al fatto che, ammettiamolo, dopo anni ed anni ci si stufa di avere sotto gli occhi sempre gli stessi elementi.

E allora cambiamoli!

Le maniglie, anche quelle della migliore qualità, hanno un prezzo accessibile e consentono di ottenere risultati più che soddisfacenti.

Di seguito ecco qualche suggerimento per non sbagliare.

Maniglie per la cucina: quale stile?

Oltre al gusto personale, uno dei primi aspetti da valutare se si vuole rinnovare la cucina cambiando solo le maniglie, è lo stile.

In linea di massima possiamo distinguere le cucine in classiche e moderne, pertanto le maniglie vanno abbinate alla tipologia di mobili presenti.

Le prime richiedono accessori il più possibile “old style”, quindi con decori e forme compatibili con l’atmosfera d’altri tempi che si vuole ricreare, mentre per le seconde sono perfette le maniglie a barra, realizzate in metallo in varie finiture, semplici, lineari e molto funzionali.

Il mercato propone diverse soluzioni, in grado di adattarsi a qualsiasi esigenza, sia estetica che pratica.

Le maniglie per cucina, siano esse “vintage” o contemporanee, sono infatti disponibili in una vasta gamma di modelli, materiali, finiture, colori e dimensioni.

 

In tal modo rinnovare in un attimo, con spesa minima e tanta soddisfazione, diventa semplice ed immediato: si smontano le vecchie maniglie, si sostituiscono con quelle nuove ed il gioco è fatto!

Una soluzione geniale: i maniglioni lunghi

Una delle soluzioni più gettonate per rinnovare la cucina, specialmente se datata e spenta, è costituita dai maniglioni lunghi, che presentano notevoli vantaggi tutti da sfruttare.

Innanzitutto, essi possono essere posizionati in due modi diversi, ovvero sia in orizzontale che in verticale, ottenendo in tal modo effetti estetici e pratici di vario genere.

Se per le ante dei pensili e per i cassetti, ad esempio, si preferisce posizionare le barre in orizzontale, la collocazione in verticale, quasi sempre, risulta ideale, e particolarmente comoda, per il frigorifero.

Non solo: le maniglie lunghe in orizzontale svolgono anche una importante funzione aggiuntiva, che si rivela decisamente preziosa quando lo spazio sembra non bastare mai. Quale?

Quella di supporto per contenere e tenere in ordine presine, canovacci, guanti da forno e tutti i piccoli utensili che servono quando si è alle prese con i fornelli.

Un motivo in più per scegliere questo tipo di maniglie.

Come si smontano le maniglie?

Fatti salvi alcuni casi molto rari, in genere le maniglie su ante, sportelli e cassetti della cucina, si smontano in maniera facile.

Non occorrono, insomma, eccezionali doti nel fai-da-te, ma solo un po’ di attenzione e di pazienza.

Per prima cosa, onde evitare un acquisto incauto che vi obblighi a praticare nuovi fori complicandovi l’operazione, valutate con attenzione le dimensioni delle vecchie maniglie, così da potervi comportare di conseguenza.

Per il resto, quasi sempre le maniglie ed i pomelli sono ancorati mediante delle comuni viti, che si possono smontare con l’aiuto di un normale cacciavite.

Una volta tolte le maniglie, pulite con grande accortezza la parte su cui erano fissate (che tende ovviamente ad accumulare polvere e sporco che non è possibile rimuovere con le pulizie quotidiane) e agganciate le nuove.

Sarete i primi a stupirvi dei risultati che si possono ottenere attraverso questo semplicissimo restyling!

Consigli per l’acquisto delle nuove maniglie per la cucina

Quando vi accingete ad acquistare le maniglie che dovranno regalare un nuovo appeal alla vostra vecchia cucina, tenete presenti i seguenti consigli:

valutate attentamente i modelli ed optate per quello che meglio si adatta allo stile della cucina

scegliete maniglie per mobili di alta qualità. Calcolate che questi elementi vengono utilizzati quotidianamente più e più volte, pertanto sono particolarmente soggetti ai danni provocati da un utilizzo continuo. Inoltre, se la finitura e/o il materiale non sono sufficientemente resistenti, le maniglie tendono a rovinarsi anzitempo a causa dei vapori, degli oli e del contatto con sostanze acide

– se la vostra cucina vi appare opaca, scialba e spenta o, semplicemente, ha un colore che non vi piace, donatele nuovo sprint con maniglie colorate a contrasto, magari con forme originali ed accattivanti

– le maniglie lunghe a barra sono perfette nelle cucine piccole, dove non si trova mai lo spazio necessario per tenere in ordine e a portata di mano gli oggetti

– un’idea super originale? Se la vostra cucina è davvero monotona, vecchia e triste, usate una maniglia diversa per ogni mobile!